Protocolli di monitoraggio per 5 coleotteri saproxilici

MIPP Monitoraggio di insetti con la partecipazione pubblica


LIFE11 NAT/IT/000252

MIPP logo

Dal database GoProFor, nella parte finale della 5 scheda, è possibile scaricare del materiale relativo al progetto e in particolare le Linee Guida per il monitoraggio dei coleotteri saproxilici protetti in Europa disponibile in versione italiana ed inglese.

Vai alle schede sul Database di LIFE GoProFor

Oggetto

Coleotteri saproxilici di 5 diverse specie, tutte protette dalla direttiva Habitat in quanto rilevanti nel processo di decomposizione del legno morto.

REFERENTE PROGETTO
Mason Franco

SITO WEB
www.lifemipp.eu

Obiettivo

Monitorare le popolazioni di 5 coleotteri saproxilici (Osmoderma eremita, Lucanus cervus, Cerambyx cerdo, Rosalia alpina, Morimus asper/funereus) attraverso l'utilizzo di un protocollo di monitoraggio semplice e standardizzato che garantisca validità scientifica, facile esecuzione e costi limitati.

Buona pratica in breve

I 5 coleotteri saproxidici riguardanti la buona pratica sono protetti dalla direttiva habitat data la loro importanza legata al ruolo che hanno all’interno della rete di decomposizione del legno morto, componente fondamentale degli ecosistemi forestali. La direttiva habitat obbliga il monitoraggio di queste specie al fine di valutarne il loro stato di conservazione.

Il progetto MIPP, viste le abitudini elusive di questi insetti che ne rendono difficile l’individuazione , e vista l’assenza di protocolli standard per il monitoraggio, ha standardizzato il metodo di campionamento attraverso dei protocolli ben definiti applicabili anche in altri contesti. Si tratta di metodi di avvistamento diretto degli insetti e tramite trappole non invasive che consentono all’animale di rimanere in vita una volta raccolto.

In che ambiente è stata realizzata

La buona pratica è stata realizzata e testata in alcune riserve naturali statali variamente distribuite su tutto il territorio nazionale: Foresta di Tarvisio (UD), Bosco Fontana (MN), Foreste Casentinesi (AR), Castel di Sangro (AQ), Bosco della Mesola (FE). Si tratta di aree che trovano in ambiente alpino, appenninico e di pianura.

Condizioni di replicabilità

Facilmente replicabile previa formazione specifica sull’immediatezza del riconoscimento agli operatori che si occuperanno dei rilievi, nei casi di monitoraggio tramite avvistamento diretto.

Materiale disponibile

Dal database GoProFor, nella parte finale della 5 scheda, è possibile scaricare del materiale relativo al progetto e in particolare le Linee Guida per il monitoraggio dei coleotteri saproxilici protetti in Europa disponibile in versione italiana ed inglese.

Vai alle schede sul Database di LIFE GoProFor

Presentazione Riserva Naturale di Bosco Fontana

Questa buona Pratica è stata svolta in parte anche a Bosco Fontana (MN).

Un video ci spiega cosa è e chi gestisce questa importante realtà per la conservazione forestale italiana.